Cerca
  • Francesco Italia

Patologie respiratorie

Aggiornato il: 18 nov 2019




Come dice il saggio si può stare senza mangiare e bere diversi giorni, senza respirare i più bravi pochi minuti!! Detto questo il nostro cuore e l’intero corpo sono assistiti dal flusso rigenerante dei polmoni. Oggi per motivi contingenti respiriamo aria poco salubre e questo aggiunto allo stress lavorativo ed ambientale diminuisce le prestazioni del nostro sistema respiratorio il che ci induce a respirare sempre meno e sempre peggio. Nel normale percorso di un individuo può succedere che ansietà e cattive abitudini quali fumo di sigaretta o apparecchi elettronici da svapo abbiano modificato la percezione dei nostri recettori olfattivi e dedicati allo stimolo della respirazione e ci inducano a una respirazione superficiale che non riesce a soddisfare il nostro organismo. Tutto questo può succedere anche a chi non ha mai fumato o a chi ha spesso irritazioni alle mucose o ha subito interventi alle vie aeree o a chi è soggetto a malattie invalidanti o chemioterapiche. Una sana rieducazione respiratoria risolve nella maggior parte dei casi le problematiche anche le più croniche. Questo perché non stavamo ingranando al marcia giusta e il ns “motore” girava a vuoto. Un periodo di rieducazione tramite respirazione autogena MME o Respirazione Profonda ristabilisce valori di ossigeno nel sangue adeguati e riduce la pressione arteriosa con conseguente bradicardia e riapre le vie respiratorie congestionate o poco sollecitate restituendo al nostro organismo la giusta cadenza vitale. I cardiopatici e gli ipertesi ne possono giovare parecchio anche se ancora fumatori. Le apnee notturne vengono eliminate da un giusto flusso e ritmo respiratorio indotto durante il giorno e riattivato con soli 5 minuti di respirazione autogena prima di addormentarsi. Raffreddori e stati di congestione nasale sono superabili rapidamente con una adeguata ventilazione respiratoria. In tutto questo respirare bene riduce del 95% l’ansia e ci rende più tonici, decisi ed attivi. Bisogna avere il coraggio di respirare finché c’è vita. Buona aria.



16 visualizzazioni

sport benessere salute

© 2019 francesco italia     Partita IVA 09470100968                       Professione esercitata in conformità alla legge 4/2013